L’unità della Chiesa in San Cipriano

Dall’udienza di Benedetto XVI del  giugno 2007 Dall’udienza di Benedetto XVI del 6 giugno 2007 […] Cipriano compose numerosi trattati e lettere, sempre legati al suo ministero pastorale. Poco incline alla speculazione teologica, scriveva soprattutto per l’edificazione della comunità e per il buon comportamento dei fedeli. Di fatto, la Chiesa è il tema che gli […]

Continua a leggere

Sul peccato originale e sul peccato angelico

Sul peccato originale e sul peccato angelico (Dal Catechismo della Chiesa Cattolica) 388 […] Bisogna conoscere Cristo come sorgente della grazia per conoscere Adamo come sorgente del peccato. È lo Spirito Paraclito, mandato da Cristo risorto, che è venuto a convincere «il mondo quanto al peccato » (Gv 16,8), rivelando colui che del peccato è […]

Continua a leggere

Sulla dualità dell’anima secondo i Manichei

  Quello che capitò all’Agostino ancora “manicheo”, è ciò che capita oggi a tante persone, invischiate in indottrinamenti settari e, seppur nuovi e distinti rispetto al manicheismo, in molti punti si coniugano con esso. Uno di questi è la totale assenza di responsabilità del soggetto, anche dinanzi ad un male oggettivamente compiuto. Scrive a riguardo […]

Continua a leggere

«Il Padre mio opera sempre e anch’io opero» (Gv 5,17) – sull’avverbio greco “ἄρτι”

«Il Padre mio opera sempre e anch’io opero» (Gv 5,17) – Ὁ πατήρ μου ἕως ἄρτι ἐργάζεται, κἀγὼ ἐργάζομαι.   In realtà la traduzione del versetto di Giovanni, in cui Gesù dice che il Padre opera “sempre”, non rende sino in fondo l’idea dell’operare “proprio ora” (in inglese: just now) che nel greco rinveniamo con […]

Continua a leggere

Preghiera di S. Antonio alla Trinità

  Ti supplichiamo, o Trinità e Unità: quando verrà il giorno dell’afflizione e dell’ultimo fuoco, e sarà rotta l’argentea fune, l’anima che tu hai plasmato corra sicura verso di te. Tu accoglila e, liberata dalle strette del maligno, possa meritare di ascendere a te nella libertà e nella gloria dei figli di Dio. Con il […]

Continua a leggere

Ritorniamo ai Padri della Chiesa, non per retrocedere, ma per “pro-cedere” in Cristo

Ritorniamo ai Padri della Chiesa, non per retrocedere, ma per “pro-cedere” in Cristo in un tempo spiritualmente difficile Non siamo certo noi a scoprire l’importanza dei Padri della Chiesa per la vita cristiana di ogni tempo, e dunque anche del tempo contemporaneo. Esistono precisi documenti magisteriali (un po’ dimenticati) che evidenziano questo aspetto della fecondità […]

Continua a leggere

Sui gravissimi danni causati da un sacerdote che non celebra la Santa Messa – Da un trattato di San Bonaventura:

Sui gravissimi danni causati da un sacerdote che non celebra la Santa Messa – Da un trattato di San Bonaventura: “[…] Quando un sacerdote è senza peccato mortale e di buone intenzioni e, non avendo impedimento legittimo, omette di celebrare (la Santa Messa) non per riverenza, ma per trascuratezza, allora, per quanto sta in lui, […]

Continua a leggere

Un testo di san Giovanni Damasceno sull’esistenza di Dio, dalla sua opera “La fede ortodossa:

Un bellissimo testo di san Giovanni Damasceno sull’esistenza di Dio, tratto dalla sua opera “La fede ortodossa: “[…] che Dio esiste non è messo in dubbio da coloro che accolgono la sacre Scritture, e cioè l’Antica e la Nuova Alleanza, e neanche dalla maggior parte degli Elleni. Infatti, come abbiamo detto, la conoscenza che Dio […]

Continua a leggere

Sulla necessità di pregare sempre

Gesù dice di pregare continuamente. Lo dice in modi distinti, diretti e indiretti, nel corso della sua predicazione. E soprattutto dà l’esempio pratico di come si debba pregare sempre. Allo stesso modo, anche gli scrittori neotestamentari, come ad esempio san Paolo, ripetono lo stesso concetto: “Pregate senza stancarvi”. Non è tuttavia univoca la ragione della […]

Continua a leggere

Sul ritorno di Cristo – Una catechesi di S. Cirillo di Gerusalemme

Sul ritorno di Cristo – Una catechesi di san Cirillo di Gerusalemme “[…] Noi annunciamo la venuta di Cristo, non la prima soltanto, ma anche la seconda, più grandiosa della precedente. La prima fu contrassegnata dai patimenti, la seconda porterà il diadema della divina regalità. Generalmente infatti, ogni realtà, nel mistero di nostro Signore Gesù […]

Continua a leggere

L’utilità del digiuno in S. Agostino

Uno straordinario sant’Agostino scrive riguardo all’utilità del digiuno: “[…] Qual è l’utilità di astenersi un poco dal cibo e dal piacere della carne? La carne preme contro il suolo, la mente tende all’alto; è trasportata dall’amore, è ritardata dal peso. A questo proposito dice la Scrittura: ‘Il corpo soggetto a corruzione appesantisce l’anima e l’abitazione […]

Continua a leggere

Dal documento: “La morale cristiana e le sue norme” – Commissione Teologica Internazionale

  Da un documento da rileggere: “La morale cristiana e le sue norme” – della Commissione Teologica Internazionale (1974)   […] 1. Il Cristo come norma concreta   Un’etica cristiana dev’essere elaborata prendendo come fondamento Gesù Cristo. Come Figlio del Padre, egli ha compiuto nel mondo tutta la volontà di Dio (tutto ciò che a […]

Continua a leggere

Dal Sermone 21 – di san Bonaventura

“[…] In primo luogo Cristo ebbe il primato dell’insolita novità nella sua risurrezione. Nessuno infatti, pur morendo in penosa vecchiaia, è risorto dai morti incominciando una nuova vita di gioia inestimabile; perché in questo modo il Signore Gesù Cristo fu il primogenito dei morti, che vinto l’impero della morte, è stato cinto della corona d’una nuova incorruttibilità. Chi infatti avrebbe […]

Continua a leggere

Cosa significa essere cristiani?

  Per rispondere occorre tornare indietro nella storia, a quel tempo riportato dal libro degli Atti in cui si dice che “ad Antiochia per la prima volta i discepoli furono chiamati cristiani” (At 11,26). Chiamati da chi? Evidentemente non da se stessi, ma dai “non cristiani”, cioè dai pagani di Antiochia, che coniarono questo titolo […]

Continua a leggere

Sant’Ignazio di Antiochia – Il martirio cruento dell’ultima ora e il martirio incruento di una vita

Sant’Ignazio di Antiochia ci insegna non tanto a morire sbranati dai leoni, ma ad avere coraggio, quando Cristo viene offeso e si è chiamati, mai costretti, a testimoniarlo nella verità e nella giustizia. Qui la libertà umana viene a compiersi nel suo punto più elevato: con semplicità, come molti cristiani hanno fatto nella storia e […]

Continua a leggere

Il valore dei propri atti come rivelazione della persona – Dal libro “Persona e atto” – di Karol Wojtyla:

“Il valore personalistico dell’atto umano, cioè il valore personale, è l’espressione particolare e forse la più essenziale del valore della persona stessa. […] Sebbene “operari sequitur esse” e quindi la persona e il suo valore precedano il valore dell’atto e siano fondamentali nei suoi confronti, tuttavia, al tempo stesso, la persona si manifesta attraverso gli […]

Continua a leggere

“Sei invidioso perché Io sono buono?” (ἐγὼ ἀγαθός εἰμι) – L’invidia del demonio per la bontà di Dio

Nel racconto parabolico degli operai mandati nella vigna ad orari distinti, nella cui morale emerge la bontà del padrone che ripaga gli ultimi arrivati con la stessa misura dei primi (cfr. Mt 20,1-16) ci interessa considerare la chiusura di questo racconto, nel quale il padrone prende autorità sulle obiezioni dei lavoratori della prima ora che […]

Continua a leggere

Sulla contraddizione fra superbia e compiacenza di sé nel demonio

  Dinanzi alla purezza di Maria ogni satanica impurità (perché l’impurità non è una creazione dell’uomo, per quanto questi vi possa acconsentire, ma ha sempre un’origine satanica) è costretta a tremare, a vivere un’esperienza terribile di vergogna e al contempo di rabbia. Vergogna, perché Maria mostra a Satana cosa significhi la bellezza di Dio, che […]

Continua a leggere

“Sulla regalità di Maria” – dall’enciclica “Ad Caeli Reginam” di Pio XII

“Sulla regalità di Maria” – dall’enciclica “Ad Caeli Reginam” di Pio XII – 11 Ottobre 1954 Come abbiamo sopra accennato, venerabili fratelli, l’argomento principale, su cui si fonda la dignità regale di Maria, già evidente nei testi della tradizione antica e nella sacra liturgia, è senza alcun dubbio la sua divina maternità. Nelle sacre Scritture […]

Continua a leggere

Credere in Cristo significa amare Cristo – S. Agostino

“Ricordiamo la distinzione: una cosa è credere “a” Cristo, un’altra è credere “Cristo”, un’altra credere “in” Cristo. Credere a lui significa credere che son vere le cose che egli dice; crederlo Cristo significa credere che egli è il Cristo; credere in lui significa amarlo. “Ebbene, spiegaci ora queste tue affermazioni: credere che son vere le […]

Continua a leggere

La verità cristiana – di I. de la Potterie

“La verità cristiana” – di I. de la Potterie “La distinzione fra platonismo e cristianesimo appare molto chiara nella nozione di verità. […] Nei primi secoli, Dio veniva più volte chiamato “il Dio della verità” o “il Padre della verità”. Con queste formule i cristiani non volevano esprimere l’idea platonica che Dio è la realtà […]

Continua a leggere

Dalla drammatica lettera scritta dai Vescovi del I Concilio di Costantinopoli a Papa Damaso

Dalla lettera scritta dai Vescovi del Concilio di Costantinopoli (inviata a Roma nell’anno 382): “[…] Noi, infatti, abbiamo sopportato da parte degli eretici le persecuzioni, le tribolazioni, le minacce degli imperatori, le crudeltà dei magistrati e ogni altra prova, per la fede evangelica confermata dai trecentodiciotto Padri di Nicea di Bitinia. Questa fede, infatti, dev’essere […]

Continua a leggere

Da un’omelia di Teodoro Studita

Da un’omelia di Teodoro Studita (758/826) “Maria è la terra, sulla quale colui che ha fondato la terra sulle sue basi ( Sal 103,5 ), viene plasmato nella carne, per opera dello Spirito Santo. Maria è la terra che, senza essere stata seminata, fa schiudere il frutto che dà a ognuno il nutrimento.Maria è la […]

Continua a leggere

S. Serafino di Sarov

Per il demonio è impossibile far perire una persona, a meno che questa smetta di invocare la Madre di Dio” (San Serafino di Sarov, monaco russo – 1754/1833)     Una frase bellissima, anche se teologicamente ardua. Ciò che questo grande monaco russo afferma è senza dubbio verità, derivante tuttavia più dalla sua intensissima esperienza […]

Continua a leggere

Il dubbio come avversario della fede

  Avendo Gesù nel cuore e nella mente – ognuno secondo il dono attuale dello Spirito – si ha sempre una luce interiore, anche nella tenebra più oscura, che evita la caduta nel burrone e permette sempre il transito impervio, anche quando le difficoltà oggettive paiono sfavorevoli ad un buon esito della traversata. Se Pietro […]

Continua a leggere

“Fa’ così se vuoi sottrarti a questa sofferenza” – Sant’Agostino sui peccati commessi per un dolore interiore

Dal sito augustinus.it Cos’è infatti la nostra carne corruttibile 3? cos’è se non vermi e putredine 4? Ma qualunque sia la condizione in cui si trova, cosa sarebbe se non fosse vero quel che abbiamo cantato, e cioè: A Dio sarà sottomessa la mia anima poiché da lui [proviene] la mia pazienza 5? In realtà la fortezza con cui i martiri […]

Continua a leggere