Crea sito

Giorno: 9 Maggio 2021

“San Tommaso e la consacrazione nella verità” – Un bellissimo articolo di J. Ratzinger del 1987:

Art works

“San Tommaso e la consacrazione nella verità” – Un bellissimo articolo di J. Ratzinger del 1987:

“La morte di Gesù è il vero Yom Kippur, il giorno della riconciliazione che non finisce più, ed è in questo contesto che troviamo le parole: “Consacrali nella verità”. L’unico bagno che è in grado di renderci idonei a Dio è la verità. Dio è la verità, il suo “sacro” è il suo essere la verità. La consacrazione, di cui abbiamo bisogno per la comunione con Dio, è il bagno della verità: “Consacrali nella verità”. San Tommaso ha collocato la sua vita in queste parole del Signore. La sua fu una vita nella verità, per la verità. Il servizio umile e costante per la verità fu la sua consacrata, il ministero sacerdotale. […] Per capire meglio la sua figura intellettuale e spirituale mi ha aiutato molto una osservazione di Chesterton. Lo scrittore inglese dice: “Se dovessimo dare al dottore angelico un nome sul tipo di quelli che usano i carmelitani, tipo “di Gesù Bambino”, “della Croce”, ecc., non sarebbe difficile trovare il nome appropriato per lui. Dovrebbe essere chiamato: San Tommaso “del Creatore”. La verità espressa nella parola “Creatore” era rimasta sconosciuta ai grandi filosofi greci, i quali avevano indovinato tanti aspetti del mistero di Dio e avevano così preparato il pensiero umano per recepire la luce della rivelazione divina. Tommaso è stato il primo ad interpretare tutte le conseguenze di questo articolo di fede e a scoprire la cerniera esistente tra fede e ragione, la capacità naturale dell’essere umano di ricevere la verità. La convinzione che l’essere nella sua creaturalità è creato da Dio comporta l’ottimismo creaturale; implica la gioiosa certezza che l’essere è buono fino in fondo; indica il Sì alla materia, voluta da Dio non meno dello spirito; implica anche una autonomia dell’essere naturale creato da Dio per essere se stesso, in maniera tale che questo essere rimane in una intima relazione con Dio. La redenzione non è soppressione della natura, dell’io; la redenzione è perfezionamento, completamento dell’essere naturale. Di conseguenza, il credere non si oppone al pensare, al nostro impegno intellettuale, ma anzi lo esige, lo presuppone, lo fa maturare. La filosofia diventa così una necessità per la teologia, il rispetto della sua autonomia è una implicazione della fede, perché la verità consacra. Il coraggio della verità è la conseguenza della fede in Dio Creatore.

San Tommaso ha allargato l’orizzonte del pensiero cristiano. Un fideismo chiuso in se stesso è un atteggiamento di paura e porta in sé l’infedeltà, riduce la fede al positivismo di una fede arbitraria e infine rinuncia alla verità. Se Dio è la verità, se la verità è il “sacro”, la rinuncia alla verità diventa una fuga da Dio. […] L’apertura necessaria per la verità viene dunque minacciata da due parti: viene minacciata da un positivismo fideista, che ha paura di perdere Dio  nell’esporsi alla verità delle creature; viene minacciata, d’altra parte, da un positivismo agnostico, il quale si sente minacciato dalla grandezza di Dio e, perdendo il Creatore, perde anche le creature. […] La verità appare nelle creature solo se il loro carattere creaturale non viene dimenticato. L’essere creatura implica relatività e relazionalità, e la relatività esige l’umiltà. […] Il messaggio delle creature viene percepito bene soltanto se si comprende che per mezzo di esse parla un altro, dal quale vengono, dal quale dipendono, al quale tendono. Ma lo spirito dell’uomo peccatore, dell’uomo autonomo, è proprio uno spirito di dominio e di isolamento. Non è possibile per l’uomo dominare l’essere nella sua totalità. Il desiderio di dominare, il desiderio di essere un dio, autonomo e dominatore, porta così, con una conseguenza inevitabile, all’isolamento e al riduzionismo: l’uomo non cerca più il messaggio proprio delle creature, cerca solo l’applicabilità delle cose per il proprio sistema di vita. Alla falsa umiltà del riduzionismo, San Tommaso oppone la vera umiltà della creatura, che è condizione della grandezza umana: del suo essere chiamato ad ascoltare l’intero messaggio dell’essere. La creatura è come una potente tromba che ci parla di Dio, dice San Gregorio di Nissa. San Tommaso fu un attento uditore di questa tromba e la sua filosofia è un invito permanente ad aprire gli orecchi del nostro spirito, ad andare oltre il puro uso delle cose, fino al punto nel quale esse non sono più soltanto delle cose, ma creature di Dio; fino al punto nel quale le creature ci offrono il bagno sacro della verità. […]

Amore di verità e amore di Gesù sono un’unica cosa indivisibile nella figura spirituale di San Tommaso. Amando Cristo, egli ha amato la verità; cercando una relazione sempre più profonda con Cristo, egli ha ricevuto la forza consacrante della verità. […] La sua vita era desiderio di Cristo, desiderio di Dio, desiderio di verità […]”.

*** (J. Ratzinger, Omelia in occasione della festa di San Tommaso d’Aquino, in Angelicum, Vol. 64, No. 2 1987, pp. 189-192)

Edizioni e Libreria Cattolica La Casa di Miriam – Con Cenacolo 24h – Tel. 3405892741 – Piazza del Monastero 3 Torino – www.lacasadimiriam.altervista.org

 

Dai 4 volumi delle “Locuzioni interiori notturne” – di Francesco G. Silletta

4 volumi: “Locuzioni interiori notturne” – Edizioni La Casa di Miriam – Nelle librerie cattoliche:

340 Jesus paintings ideas | jesus pictures, jesus painting, jesus art

“Prega ora un po’ con me. Ciò significa pregare insieme, poiché dove due sono le voci, comune è la preghiera. E questa comunione ti è dato di averla direttamente con Dio, come se una voce fosse la tua e l’altra, divina, la estendesse a se stessa, con la propria, da Dio a Dio. Vedi? Pregare insieme è questo: non soltanto rivolgersi a Dio, ma farlo insieme a lui, in modo che certa sia la credibilità della tua preghiera, la purezza della tua intenzione, l’intensità della tua speranza. Dio non ha bisogno di autopregarsi: la sua volontà è eterna, immutabile e infallibile. Sei tu che hai bisogno di armonizzarti a questa volontà, abbandonando te stesso nelle sue mani. Ma quale abbandono potresti mai operare concretamente, se non fossi io stesso a farmi incontro a te, ad assorbirti in me amorevolmente? Che mai potresti darmi, prima che io già non te l’abbia dato? Ecco il due. Non è vero che è un numero divisorio. Piuttosto è il numero primo della comunione, al di sotto del quale non può darsi comunione alcuna. Ora lasciati armonizzare in questo tu per tu. Sono io a stabilirlo, poiché percepisco in te un affanno interiore. Non farlo divenire oppressione. Non permettere che lieviti in te. Fermalo ora. Con me. Lo facessi ogni volta che, come una nuvola ancora lontana, si avvicina a te, non peccheresti mai, né mai ti sorprenderebbe la paura di esser troppo debole. Io sono la tua forza. Tu la mia gioia. Vederti creatura nel mondo è amore per me, che io stesso amo e conservo nel creato. Anche quando sei agitato, rimane inalterato il mio amore per te. E quando sei caduto, eccomi amante infinito, a rialzarti da terra. Tu sapessi fin dove arriva il mio amore. La croce? No. Oltre non è possibile. Nemmeno per Dio. Poiché nella croce tutto ho manifestato del mio amore, se tu rettamente la intendi. Nella croce ho affisso tutta l’esperienza umana possibile, compresa la tua attuale. Altro non devo aggiungere. Anche il dolore umano ha un limite. E la mia divinità lo ha assunto e manifestato nella sua integralità. Dunque non pensare che potessi fare di più per te. Né rimani a crogiolarti sul fatto che io stia o non stia ad ascoltare le tue richieste. Lascia libera la tua mente da queste cose, poiché non sono io a suggerirtele. Vedi? Due. Due siamo io e te. Non pensare agli altri miliardi di persone esistenti nel mondo. Nessuna di quelle sfugge alla mia coscienza. Ma ora sono qui con te. Voglio pregare con te. Non è già forse questa, paradossalmente, una preghiera che Dio stesso sta rivolgendo a te? Ti sta pregando di pregare. Dio ti sta chiedendo di esaudire una sua richiesta stringente: poter esaudire la tua stessa richiesta, facendosi piccolo insieme a te nella preghiera. Cosa aspetti allora? Sei tentato al male? Eccomi per far tacere quel moto disordinato. Con me accanto se ne andrà. Le tempeste del tuo cuore si calmeranno, se vorrai. Non ti chiedo molto, in fondo. Poter partecipare davvero della dimora del tuo cuore, pregando insieme a te. Ora. Lascia ogni cosa, abbandona ogni altro pensiero. Dio è con te adesso, per il tuo bene”.

Amen

“Locuzioni interiori notturne” – 4 volumi – Edizioni La Casa di Miriam – Nelle librerie cattoliche – Info tel. 3405892741

www.lacasadimiriam.altervista.org

 

 

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén