Dall’Incarnazione del Verbo – di S. Atanasio

Dall’Incarnazione del Verbo – di S. Atanasio
 
 
“In realtà non era chiuso in un corpo, né era in un corpo senza essere altrove; né dava il movimento ad esso lasciando l’universo privo della sua azione e provvidenza. Ma, ed è questa la cosa più mirabile, essendo il Verbo, non era contenuto da nessuna cosa, ma piuttosto conteneva tutte le cose egli stesso. Come, pur essendo in tutto il creato, rimane fuori del creato secondo l’essenza, ma è in tutte le cose grazie alla sua potenza: tutto dispone, dispiega la sua provvidenza verso tutti e in ogni luogo, vivifica nel contempo ciascun essere e tutti gli esseri, contiene tutte le cose senza essere contenuto, ma è soltanto nel Padre suo, tutto intero e sotto ogni aspetto; così, mentre era in un corpo umano e lo vivificava egli stesso, vivificava ugualmente tutti gli esseri ed era in tutti ed era al di fuori dell’universo. Sebbene si facesse conoscere a partire dal corpo mediante le sue opere, non era invisibile in virtù del suo agire nell’universo”.
(S. ATANASIO, L’incarnazione del Verbo, IV,17)
 
Edizioni Cattoliche La Casa di Miriam 24h
Piazza del Monastero, 3 – Torino
www.lacasadimiriam.altervista.org