Parole di Gesù a un’anima

Parole di Gesù a un’anima 

jesus-forgiving

“Non ossessionarti al ricordo di quel tuo peccato. Preso dall’angoscia potresti nuovamente rotolare in qualcosa di brutto. Aspetta fiducioso la mia voce di misericordia, sappiti confrontare con me, che ho in mano la situazione della tua vita. Io so perché hai fatto quel peccato, so a cosa pensavi, cosa volevi, cos’hai dimenticato o cosa avresti potuto fare al posto di quell’azione. Conosco i tuoi condizionamenti più intimi e vedo ciò che tu non vedi. Perciò lascia a me il giudizio su te stesso. Limitati a riflettere su quello che hai fatto e a consegnarlo a me, che lo dimenticherò per sempre, dopo averlo purificato. E trasformerò, se tu me lo consentirai nel tuo cuore, quella tua cattiva azione in un segno della mia gloria. Darò luce al tuo buio. Io sono Dio. Posso farlo. Non autogestirti, piccola creatura, rispetto alle tue azioni. Domandami prima se sono buone. Chiedimi se hanno una efficacia positiva, se sono utili per te e per il tuo prossimo. Rifletti con me se non contrastano il mio amore. Domandami sempre tutto. Io ti ascolto e ti oriento. E lo faccio anche quando non ti ricordi di me. Un incontro per la strada ti ha sorpreso? Ecco, chi ti ha fatto incontrare quella persona, a quell’ora, per quella via? La mia sapienza. E una telefonata che ritenevi casuale ha cambiato la tua giornata? Un passaggio televisivo cambiando canale, un’immagine sul web che non ti aspettavi: io ero là, prima di queste cose, per aiutarti in un modo che alle volte non comprendi subito.
Io sono nella tua vita molto più di quanto non immagini. Anche quando il dolore sembra dominarti, e la speranza ti sembra venire meno. Non preoccuparti. Alle volte certe piccole crocifissioni permettono di risorgere più in fretta. Non dimenticarti mai di me, che consolo e fortifico la coscienza, do vigore al carattere, dono l’autostima e la fiducia in se stessi e porto sulle spalle assieme agli uomini ogni piccola e grande croce della loro vita. Io sono la vita. Ricordalo. La tua stessa attualità vivente è testimonianza per me. Significa che io sono lì con te, che ti dono il respiro, che regolo la circolazione del tuo sangue e do vigore alle tue membra.
Tu chiamami. Non c’è orario del giorno e della notte che non mi trovi pronto ad aiutarti. E ciò che io faccio per te, è per il tuo bene. Fidati di me. Anch’io, che sono Dio, mi fido di te”.

(Francesco Gastone Silletta – Dalle meditazioni del gruppo “La Casa di Miriam Torino” – Incontri mensili in Chiesa)
www.lacasadimiriam.altervista.org