“Preghiera di liberazione dalle voci e dalle coercizioni interiori” – dal 3° vol. di “Liberaci dal male” – di Francesco G. Silletta

“Preghiera di liberazione dalle voci e dalle coercizioni interiori” – dal 3° vol. di “Liberaci dal male” – di Francesco G. Silletta – Prossimamente – Ed. La Casa di Miriam
 
 
Signore Gesù Cristo,
in questo momento avverto nel mio cuore una forza oscura che mi fa tremare e mi assoggetta all’angoscia e al turbamento. La mia fede vacilla, il mio cuore si agita. Sento continuamente delle voci strane nella testa, che in qualche modo, per la loro potenza, addirittura mi viene da ripetere con le labbra, emettendo un suono che in maniera confusa le riproduce. E mi ritrovo da altre voci accusato io stesso di aver detto quello parole, pur non avendole volontariamente pensate. Avverto ancora, Signore Gesù Cristo, degli “pseudo-comandamenti”, cioè delle imposizioni a fare ciò che non voglio oppure a non fare ciò che voglio: non posso ad esempio usare le mie mani con libertà, né il mio corpo, né le mie facoltà, poiché mi sento governato da potenze occulte che, mentre cerco di fare un’attività ordinaria, si intromettono e sabotano la mia volontà, imponendomi di non compiere ciò che voglio e di fare dell’altro. Signore Gesù, tu mi hai creato ed io ti riconosco Signore della mia vita. Tua è la potenza sul mio corpo, tua è la potenza sulla mia storia.
Ti scongiuro di liberarmi da questo continuo ed involontario dialogo con queste forze spirituali negative, che pur contro il mio volere in qualche modo continuo a perpetuare, sino all’esaurimento dei nervi ed all’instabilità emotiva.
Ti prego di intervenire, Signore Gesù, con la tua vera voce, affinché tutte le false voci, che si confondono nella mia mente in un modo così camuffato e sottile da apparire come reali, appartenenti al mio stesso pensiero, vengano debellate e scompaiano, ed io possa ritrovare la pace.
Guardami, Signore, in tutti i miei legamenti comportamentali, affettivi, relazionali che a partire da queste voci, che talvolta sono dei veri e propri ruggiti interiori, annodano la mia vita e mi isolano dalla realtà, mi impediscono di essere naturale in mezzo agli altri, persino durante il mio incontro personale con te.
Liberami Signore, perché io credo che tu puoi farlo. Liberami perché sono tua creatura e la prova cui mi stai sottoponendo la riconosco comunque passibile di superamento per la tua grazia.
Io credo in te e ti amo, Signore Gesù, anche se queste voci che cercano di distorcere la mia memoria, il mio passato, il mio presente, il mio rapporto con me stesso e con gli altri, mi paiono come dei mostri terribili che mi legano per divorarmi e condurmi alla rovina.
Ama questo tuo figlio così immerso nella sofferenza e, se ti è gradito, intervieni a liberarmi con la tua potenza. Se io sono colpevole o corresponsabile di questa mia situazione, ti domando perdono. Fa’ che le mie colpe non interferiscano più nell’estensione di questa mia attualità dolorosa.
Riconosco come satanica la provenienza di questo male ed al contempo me stesso come molto più debole del mio nemico: per questo invoco la tua onnipotenza, ed in nome anzitutto della tua purezza, ti domando di liberarmi dalle costrizioni sataniche che riguardano la sessualità, l’uso impuro delle mie facoltà sessuali, la ricerca visiva di attrazioni peccaminose ed adulterine. Ti domando inoltre di liberarmi dall’assoggettamento a sensi di colpa ed accuse che mi muovono verso la depressione, la disperazione e da ultimo tentano di istigarmi al suicidio, per potermi condurre dove tu non vuoi ed io stesso non voglio andare. Ti chiedo ancora di liberarmi dalle voci che suscitano in me paura nella relazione con l’altro, insicurezza ed isolamento.
Abbi pietà di me, Signore Gesù. Abbi pietà di tutti quanti come me vivono questa o altre simili situazioni di dolore. Sia glorificato il tuo nome nella vittoria su questo male. Sia benedetto il tuo nome glorificando me nel concedermi la guarigione. Affinché io sia libero nella mia coscienza cristiana e possa servirti con serenità nonostante le difficoltà che si incontrano nel mondo.
Ti chiedo soccorso, Gesù. Vieni.
Amen.
(Francesco Gastone Silletta – “Liberaci dal male” – 3 voll. – Edizioni La Casa di Miriam – Tel. 3405892741)