Dallo studio di Sofia Vanni Rovighi, Filosofia della sensazione in S. Agostino

Dallo studio di Sofia Vanni Rovighi, Filosofia della sensazione in S. Agostino ***

Augustine, Genesis, & the Goodness of Creation | Henry Center

“[…] La visione è l’impressione fatta dal corpo veduto sul soggetto. Senza questa impressione, non c’è sensazione. La visione è detta anche similitudine e immagine della cosa veduta.

Veduto è il corpo esterno, ma ciò che è inferito dalla ragione è l’esistenza di una immagine nel senso.

Vi è una tale unità fra la forma del corpo veduto e la sua immagine impressa nel senso, che solo la ragione, e non il senso stesso, può distinguerle. “[…]

Ora, se un corpo esterno agisce sul nostro, il corpo con-sente con l’anima; l’impressione ricevuta diviene così una impressione “sentita” (sensazione, ad es. la visione). Non c’è però sensazione, senza una “intentio” del soggetto che vede.

“[…] La memoria, con l’intelletto e la volontà, è la più alta immagine della Trinità.

“[…]  L’unità intenzionale si avvera fra la forma del corpo e la forma impressa nel senso, fra questa e la forma impressa nella memoria, fra la forma impressa nella memoria e la forma pensata.

“[…]  Spesso Agostino identifica “animi intentio” con “voluntas”. In senso proprio però, l’intentio è l’apertura del soggetto all’oggetto, non l’atto di volontà che muove il soggetto a conoscere”.

 

*** Rivista di Filosofia Neo-Scolastica

Vol. 54, No. 1 (GENNAIO-FEBBRAIO 1962), pp. 18-32

Edizioni e Libreria Cattolica La Casa di Miriam

Piazza del Monastero 3 – 10146 – Torino

 

About lacasadimiriam 1102 Articles
La Casa di Miriam è un centro editoriale cattolico ed un cenacolo di preghiera operativo 24h