Dal Discorso di S. Giovanni Paolo II in occasione della consegna del premio “Paolo VI” ad Hans Urs von Balthasar (23 giugno 1984)


n. 4: “[…] La verità studiata dal teologo non è frutto di una conquista, ma il dono che Dio, nell’imperscrutabile e meraviglioso suo disegno d’amore, ha fatto agli uomini manifestando se stesso principalmente mediante la santa umanità di Gesù Cristo, il quale è il mediatore e la pienezza di tutta la rivelazione. “Parliamo sì di sapienza, ma di una sapienza che non è di questo mondo, né dei dominatori di questo mondo che vengono ridotti al nulla; parliamo di una sapienza divina, misteriosa, che è rimasta nascosta, e che Dio ha preordinato prima dei secoli per la nostra gloria” (1 Cor 2, 6-7).La verità, a cui la teologia serve, non è dunque semplicemente un sistema concettuale costruito nel rispetto di regole logiche. Nemmeno si riduce a una serie di fatti empiricamente accertabili. È primariamente Dio stesso, che in Gesù Cristo per mezzo dello Spirito Santo si fa conoscere all’uomo.Il servizio che la teologia deve prestare alla verità rivelata è la continua esplorazione di essa. Lo scopo è di scoprirne e di esprimerne, fin dove è possibile, tutti gli aspetti, l’armonia, l’unità, la bellezza. L’esplorazione non terminerà mai, perché la verità di Dio è infinita e perché l’intelligenza umana non può avvicinarsi ad essa che per gradi successivi. Il servizio alla verità rivelata, poi, postula sempre un grande senso del mistero, che accompagni l’autentica ricerca teologica. Esso impedisce che la verità rivelata venga ridotta in termini razionalistici o snaturata a livello di un’ideologia […]”