Sull’immortalità dell’anima

St. Augustine of Hippo

Tre pensatori antichi che si somigliano nell’idea/concetto di anima immortale, ognuno con una progressione intellettuale sul precedente: Platone, Plotino, sant’Agostino.

In tutti e tre l’anima è intesa fondamentalmente come “vita”. Vita, in Platone (cf. Fedone), che non può essere amalgamata o sopraffatta dal suo contrario, cioè la morte, poiché nel caso dell’anima questa vita si dà in modo essenziale.

In Plotino, anima e vita sono anche identificate. Distinto – logicamente – da quanto dirà sant’Agostino in chiave cristiana – Plotino (cf. Enneadi) parla di anima come “sostanza” divina, che non può morire, non potendo essere soggetta, per natura,

al suo contrario, cioè alla morte.

In Agostino, anche, l’anima è vita. Ma più che in Platone, questa vita non può contraddire se stessa, poiché essa non è nell’anima come lo è in tutte le cose “animate”, bensì in modo suo proprio, singolare: “La vita non può essere senza vita” (cf. De Trinitate).

Amen

 

Testi disponibili in sede

Edizioni e Libreria Cattolica La Casa di Miriam

Con Cenacolo 24h

Tel. 3405892741

Piazza del Monastero 3 – Torino

 

About lacasadimiriam 1182 Articles
La Casa di Miriam è un centro editoriale cattolico ed un cenacolo di preghiera operativo 24h