La natura significa Cristo e partecipa della sua esperienza umana

Dalla nuova edizione del libro “Meditazioni sulla fede” – di Francesco G. Silletta – Edizioni Cattoliche La Casa di Miriam

Heinrich Hofmann Tumblr posts - Tumbral.com

“[…] L’orto del Getsemani a suo modo è rimasto vicino a Gesù, lo ha accolto quale Signore, più di ogni altra figura umana rappresentata nella scena della permanenza di Gesù in quel luogo. Esso infatti lo ha accolto, gli ha dato conforto disponendogli uno spazio naturale per pregare, lo ha confortato, come può farlo la natura creata, dinanzi alla straziante constatazione del sonno apostolico, e non solo del sonno fisico, ma pure spirituale. Si è reso persino docile a farsi calpestare dai nemici del Creatore, offrendo tuttavia se stesso quale teatro per la loro vergogna al momento della loro caduta, quando Gesù manifestò, solo presentandosi, la propria potenza. Ed è divenuto triste, come l’intera creazione, nel momento in cui il Redentore del mondo veniva percosso ed umiliato […]”

(Nuova edizione “Meditazioni sulla fede” – Edizioni e Libreria Cattolica La Casa di Miriam – Tel. 3405892741)

Edizioni e Libreria Cattolica La Casa di Miriam – Con Cenacolo 24h – Piazza del Monastero, 3 – Torino – www.lacasadimiriam.altervista.org

 

Precedente Il segno di croce con la mano destra Successivo Contro il concetto di "teopatia" (cioè una passione intradivina di ordine immanente)