Sulla differenza fra Cristianesimo e meditazione orientale

“Egli non è ‘un risvegliato’, od un ‘compiuto’, uno che ‘sia giunto a completa perfezione’. Come si è già considerato precedentemente, Gesù non percorre alcun ‘sentiero’, la sua autocoscienza non presenta uno sviluppo progressivo. Gesù non ammonisce i suoi discepoli affinché cerchino in se stessi e nella sua dottrina la propria salvezza, bensì afferma di essere Egli stesso la salvezza che annuncia, è Lui stesso la Buona Novella, la Verità rivelata: “Cristo in persona è il momento decisivo della salvezza” .
Non è possibile, pertanto, separare nel Cristianesimo la forma dal contenuto. L’una e l’altro hanno la stessa essenza, Gesù Cristo’
(Francesco G. Silletta, “L’essenza del Cristianesimo in Romano Guardini” – Edizioni Cattoliche La Casa di Miriam – € 15) – SECONDA RISTAMPA – Info: Tel. 340-5892741

Edizioni Cattoliche La Casa di Miriam 24h
Piazza del Monastero, 3 – Torino
www.lacasadimiriam.altervista.org