La passione di Gesù e l’inferno

La passione di Gesù e l’inferno

Potrebbe essere un'immagine raffigurante testo

Chi è stato abbandonato dal Padre, ha conosciuto l’inferno nella sua esperienza soggettiva: significa, cioè, che Gesù, in un modo a noi mai pienamente conoscibile, ha patito le pene dei dannati nel suo tormento in croce, anche se secondo un tempo limitato e non in eterno come quelli. Egli ha infatti “abbracciato” l’inferno possibile, escludendolo dall’economia soggettiva di chiunque in lui si rifugiasse nella fede.

La sua “discesa agli inferi” non è esattamente questa esperienza: là vi andò come redentore, ma qui, nel suo “inferno attuale”, vi stette come vittima.

Per questo la teologia (e la pastorale) non possono mai prescindere o addirittura esiliare – come alcuni fanno – l’idea fondamentale di “sacrificio” del Cristo, né osare affermare che i patimenti di Cristo non contemplino ogni patimento possibile dell’esperienza umana. Amen

Edizioni e Libreria Cattolica La Casa di Miriam

Con Cenacolo 24h

Tel. 3405892741

 

About lacasadimiriam 1102 Articles
La Casa di Miriam è un centro editoriale cattolico ed un cenacolo di preghiera operativo 24h