Rispetto del corpo e purezza

Rispetto del corpo e purezza
 
1dbbe8927394452383b42bad788dadcc
 
S. Giovanni Paolo II – Udienza Generale del 28 gennaio 1981
 
“In primo luogo, la purezza è una “capacità”, ossia, nel tradizionale linguaggio dell’antropologia e dell’etica: un’attitudine. Ed in questo senso, è virtù. Se questa abilità, cioè virtù, porta ad astenersi “dalla impudicizia”, ciò avviene perché l’uomo che la possiede sa “mantenere il proprio corpo con santità e rispetto e non come oggetto di passioni libidinose”. Si tratta qui di una capacità pratica, che rende l’uomo atto ad agire in un determinato modo e nello stesso tempo a non agire nel modo contrario. La purezza, per essere una tale capacità o attitudine, deve ovviamente essere radicata nella volontà, nel fondamento stesso del volere e dell’agire cosciente dell’uomo. Tommaso d’Aquino, nella sua dottrina sulle virtù, vede in modo ancor più diretto l’oggetto della purezza nella facoltà del desiderio sensibile, che egli chiama “appetitus concupiscibilis”. Appunto questa facoltà deve essere particolarmente “dominata”, ordinata e resa capace di agire in modo conforme alla virtù, affinché la “purezza” possa essere attribuita all’uomo. Secondo tale concezione, la purezza consiste anzitutto nel contenere gli impulsi del desiderio sensibile, che ha come oggetto ciò che nell’uomo è corporale e sessuale. La purezza è una variante della virtù della temperanza.
Il testo della I Lettera ai Tessalonicesi (cf. 1Ts 4,3-5) dimostra che la virtù della purezza, nella concezione di Paolo, consiste anche nel dominio e nel superamento di “passioni libidinose”; ciò vuol dire che alla sua natura appartiene necessariamente la capacità di contenere gli impulsi del desiderio sensibile, cioè la virtù della temperanza. Contemporaneamente, però, lo stesso testo paolino rivolge la nostra attenzione verso un’altra funzione della virtù della purezza, verso un’altra sua dimensione – si potrebbe dire – più positiva che negativa.
Ecco, il compito della purezza, che l’Autore della lettera sembra porre soprattutto in risalto, è non solo (e non tanto) l’astensione dalla “impudicizia” e da ciò che vi conduce, quindi l’astensione da “passioni libidinose”, ma, in pari tempo, il mantenimento del proprio corpo e, indirettamente anche di quello altrui in “santità e rispetto”.
Queste due funzioni, l’ “astensione” e il “mantenimento”, sono strettamente connesse e reciprocamente dipendenti. Poiché, infatti, non si può “mantenere il corpo con santità e rispetto”, se manchi quell’astensione “dalla impudicizia” e da ciò a cui essa conduce, di conseguenza si può ammettere che il mantenimento del corpo (proprio e, indirettamente, altrui) “con santità e rispetto” conferisce adeguato significato e valore a quell’astensione. Questa richiede di per sé il superamento di qualche cosa che è nell’uomo e che nasce spontaneamente in lui come inclinazione, come attrattiva e anche come valore che agisce soprattutto nell’ambito dei sensi, ma molto spesso non senza ripercussioni sulle altre dimensioni della soggettività umana, e particolarmente sulla dimensione affettivo-emotiva […]”.
(Fonte: w2.vatican.va)
 
Edizioni Cattoliche La Casa di Miriam 24h
Studi antropologici
www.lacasadimiriam.altervista.org