Dal “Commento al Simbolo degli Apostoli” – di S. Tommaso d’Aquino

Golgotha | Meaning & Facts | Britannica

Sul senso della discesa agli inferi di Gesù Cristo – Un estratto dal “Commento al Simbolo degli apostoli”, di S. Tommaso d’Aquino:
 
n. 4: “[…] Pur restando vero che Cristo è sceso nell’oltretomba per recare alle anime i frutti della redenzione, è vero altresì che egli non liberò dal potere di Satana chiunque vi si trovasse, ma solo quanti lo attendevano privi di gravi colpe. Lasciò nell’inferno coloro che erano morti in peccato mortale. Perciò non s’illuda, chiunque entri in simili condizioni nell’aldilà. Dovrà restare nell’inferno quanto i giusti si tratterranno in paradiso: per l’eternità. «I dannati andranno all’eterno supplizio, gli eletti invece all’eterna gloria» (Mt 25, 46).
Altro beneficio: la discesa di Cristo agli inferi ci rende maggiormente solleciti. Egli infatti vi andò per evitarci quella che, per noi, sarebbe una discesa senza ritorno. Dobbiamo perciò andarvi frequentemente col pensiero, considerando le pene che vi si soffrono, sull’esempio di Ezechia, il quale usava ripetere: «A metà della mia vita me ne dovrò andare, varcando la soglia dell’aldilà» (Is 38, 10).
TESTI DISPONIBILI ALLA LIBRERIA CATTOLICA LA CASA DI MIRIAM
 
Edizioni e Libreria Cattolica La Casa di Miriam
Piazza del Monastero, 3 – Torino
Tel. 340 – 5892741

 

Ti potrebbe interessare anche