“In principio” – secondo Origene

Who Was Jesus, the Man? | Live Science

Il grande Origene (secondo secolo), interpretava l’espressione “in principio”, con la quale inizia la Genesi e l’intera Sacra Scrittura (Gen 1,1) non in senso “temporale”, come a dire: “Prima di tutto”, ma in senso teologico-filiale, ossia: “Nel principio”, cioè “Nel suo Logos Dio creò…”. Scrive testualmente il teologo alessandrino:

“In principio Dio fece il cielo e la terra (Gen 1,1). Qual è il principio di tutte le cose, se non il nostro Signore e salvatore di tutti, Cristo Gesù, il primogenito di tutta la creazione (cfr 1 Tim 4,10; Col 1,15)? In questo principio, dunque, cioè nel suo Verbo, Dio fece il cielo e la terra, come dice anche l’evangelista Giovanni all’inizio del suo Vangelo: In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio, e il Verbo era Dio. Egli era in principio presso Dio. Tutte le cose furono fatte per mezzo di lui, e senza di lui nulla fu fatto (Gv 1, 1-3). Dunque qui non parla di un qualche principio temporale, ma dice che nel principio, cioè nel Salvatore, sono stati fatti il cielo e la terra, e tutte le cose che sono state create. […]”

L’interpretazione di Origene ci pare – anche alla luce del seguito della sua riflessione che invitiamo a leggere e a meditare – assolutamente convincente. L’intenzione dell’agiografo ci pare infatti proprio quella di evidenziare un “principio” non temporale, ma “ontologico”, il Logos, lo stesso Pensiero di Dio. Amen

(Cfr. Origene, Omelie sulla Genesi, I,1)

Testi disponibili alla Libreria Cattolica La Casa di Miriam

Con Cenacolo 24h Tel. 3405892741

Piazza del Monastero 3 Torino