Da un bellissimo studio su san Bonaventura ***

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 4 persone e persone in piedi

San Bonaventura nel suo pensiero non esce mai dal dramma della storia concreta: l’uomo è concepito nel suo essere avvolto dalla grazia.

Se tutto nell’esperienza è orma o vestigio di Dio, in quanto ne rivela la causa creatrice, l’uomo è più che vestigio; egli è immagine di Dio trino e creatore in quanto ne riflette la spiritualità

L’uomo, dotato com’è di intelligenza, volontà e memoria, ha un construtturale finalismo al divino, è capace di pensare ed amare Dio come oggetto compiuto della sua attività di uomo

17-18: L’uomo è “nella” natura e ne partecipa indiscutibilmente la corporeità; ma nello stesso tempo l’uomo è “sulla” natura, perché fa parte di un piano ontologico  che lo pone piuttosto in essenziale relazione con Dio; tutto quello che si può pensare o dire dell’uomo deve fondamentalmente e fontalmente guardare a tale sua medianità o medietà strutturale che lo pone “istituzionalmente” nel mondo, ma “costituzionalmente” come emergente sulla mondità del mondo.

Considerato in tale sua medietà, l’uomo va pensato come una struttura che è un momento del tutto privilegiato della generale struttura del finito.”

*** Dal testo: “La visione dell’uomo in Bonaventura da Bagnoregio”, di Giovanni Di Napoli, pp. 17-18

Edizioni e Libreria Cattolica La Casa di Miriam

Con Cenacolo 24h

Tel. 3405892741

Piazza del Monastero 3 – Torino

 

About lacasadimiriam 1182 Articles
La Casa di Miriam è un centro editoriale cattolico ed un cenacolo di preghiera operativo 24h