Ritorniamo ai Padri della Chiesa, non per retrocedere, ma per “pro-cedere” in Cristo

Ritorniamo ai Padri della Chiesa, non per retrocedere, ma per “pro-cedere” in Cristo in un tempo spiritualmente difficile

Jesus statue in church public domain free photos for download 5472x3648  4.45MB

Non siamo certo noi a scoprire l’importanza dei Padri della Chiesa per la vita cristiana di ogni tempo, e dunque anche del tempo contemporaneo. Esistono precisi documenti magisteriali (un po’ dimenticati) che evidenziano questo aspetto della fecondità dei Padri anche per il tempo presente. Vi sono poi eminenti teologi, dal medioevo ad oggi, che hanno tenuto in considerazione gli scritti e l’insegnamento dei Padri fino a fondare sul loro pensiero la loro divulgazione teologica. Von Balthasar, ad esempio, ha dedicato degli scritti impegnativi ad Origine, a Gregorio di Nissa e ad altri grandi figure della Patristica. San Bonaventura non si è mai separato – a livello di fondamento del pensiero – dall’insegnamento di sant’Agostino (pur non essendo propriamente “agostiniano”. San Tommaso ha manifestato una conoscenza ed un’attenzione privilegiata per i grandi Padri latini e orientali. Joan Adam Mohler, teologo cattolico del Novecento, si è ispirato fortemente ai grandi Padri, e con lui Guardini, De Lubac, Fossard, Congar e molti altri grandi teologi del Novecento, fra cui lo stesso Joseph Ratzinger.
Oggi che il pensiero cattolico risente di ambiguità e di aporie varie, è importante riscoprire la freschezza, nonostante i secoli intercorsi, di quel pensiero che dai primi Padri apostolici sino agli ultimi grandi Padri a ridosso del Medioevo ha segnato in maniera fondamentale non solo il pensiero teologico in genere, ma la comprensione, l’approccio e più ancora l’applicazione del messaggio divinamente rivelato. Sappiamo che i Padri della Chiesa sono concepiti tali secondo specifiche loro caratteristiche proprie, tra cui l’antichità, la santità, la concordia e il consenso (della Chiesa, ma anche dei Padri stessi fra di loro, come ad esempio Agostino rispetto a Girolamo).
La letteratura patristica, la teologia dei Padri è un patrimonio immenso tutto da conoscere, amare e riscoprire anche oggi, in un tempo dove una larga parte di quanti si dicono cattolici non conosce neppure i fondamenti della propria fede. La conoscenza dei Padri conduce ad un rinnovato e a suo modo “purificato” amore per Gesù Cristo, ad una più intensa testimonianza cristiana e ad una salvaguardia della verità della nostra fede cattolica, contro tante ideologie, falsità ed inganni diffusi in questo tempo.
AMPIA SCELTA DI TESTI PATRISTICI ALLA LIBRERIA CATTOLICA LA CASA DI MIRIAM.

Edizioni e Libreria Cattolica La Casa di Miriam
Con Cenacolo 24h
Piazza del Monastero, 3 – Torino
www.lacasadimiriam.altervista.org

 

Ti potrebbe interessare anche