Sul peccato originale e sul peccato angelico

Sul peccato originale e sul peccato angelico (Dal Catechismo della Chiesa Cattolica) 388 […] Bisogna conoscere Cristo come sorgente della grazia per conoscere Adamo come sorgente del peccato. È lo Spirito Paraclito, mandato da Cristo risorto, che è venuto a convincere «il mondo quanto al peccato » (Gv 16,8), rivelando colui che del peccato è […]

Continua a leggere

Sulla dualità dell’anima secondo i Manichei

  Quello che capitò all’Agostino ancora “manicheo”, è ciò che capita oggi a tante persone, invischiate in indottrinamenti settari e, seppur nuovi e distinti rispetto al manicheismo, in molti punti si coniugano con esso. Uno di questi è la totale assenza di responsabilità del soggetto, anche dinanzi ad un male oggettivamente compiuto. Scrive a riguardo […]

Continua a leggere

«Il Padre mio opera sempre e anch’io opero» (Gv 5,17) – sull’avverbio greco “ἄρτι”

«Il Padre mio opera sempre e anch’io opero» (Gv 5,17) – Ὁ πατήρ μου ἕως ἄρτι ἐργάζεται, κἀγὼ ἐργάζομαι.   In realtà la traduzione del versetto di Giovanni, in cui Gesù dice che il Padre opera “sempre”, non rende sino in fondo l’idea dell’operare “proprio ora” (in inglese: just now) che nel greco rinveniamo con […]

Continua a leggere

Preghiera di S. Antonio alla Trinità

  Ti supplichiamo, o Trinità e Unità: quando verrà il giorno dell’afflizione e dell’ultimo fuoco, e sarà rotta l’argentea fune, l’anima che tu hai plasmato corra sicura verso di te. Tu accoglila e, liberata dalle strette del maligno, possa meritare di ascendere a te nella libertà e nella gloria dei figli di Dio. Con il […]

Continua a leggere

Ritorniamo ai Padri della Chiesa, non per retrocedere, ma per “pro-cedere” in Cristo

Ritorniamo ai Padri della Chiesa, non per retrocedere, ma per “pro-cedere” in Cristo in un tempo spiritualmente difficile Non siamo certo noi a scoprire l’importanza dei Padri della Chiesa per la vita cristiana di ogni tempo, e dunque anche del tempo contemporaneo. Esistono precisi documenti magisteriali (un po’ dimenticati) che evidenziano questo aspetto della fecondità […]

Continua a leggere

Sui gravissimi danni causati da un sacerdote che non celebra la Santa Messa – Da un trattato di San Bonaventura:

Sui gravissimi danni causati da un sacerdote che non celebra la Santa Messa – Da un trattato di San Bonaventura: “[…] Quando un sacerdote è senza peccato mortale e di buone intenzioni e, non avendo impedimento legittimo, omette di celebrare (la Santa Messa) non per riverenza, ma per trascuratezza, allora, per quanto sta in lui, […]

Continua a leggere

Un testo di san Giovanni Damasceno sull’esistenza di Dio, dalla sua opera “La fede ortodossa:

Un bellissimo testo di san Giovanni Damasceno sull’esistenza di Dio, tratto dalla sua opera “La fede ortodossa: “[…] che Dio esiste non è messo in dubbio da coloro che accolgono la sacre Scritture, e cioè l’Antica e la Nuova Alleanza, e neanche dalla maggior parte degli Elleni. Infatti, come abbiamo detto, la conoscenza che Dio […]

Continua a leggere

Sulla necessità di pregare sempre

Gesù dice di pregare continuamente. Lo dice in modi distinti, diretti e indiretti, nel corso della sua predicazione. E soprattutto dà l’esempio pratico di come si debba pregare sempre. Allo stesso modo, anche gli scrittori neotestamentari, come ad esempio san Paolo, ripetono lo stesso concetto: “Pregate senza stancarvi”. Non è tuttavia univoca la ragione della […]

Continua a leggere

Sul ritorno di Cristo – Una catechesi di S. Cirillo di Gerusalemme

Sul ritorno di Cristo – Una catechesi di san Cirillo di Gerusalemme “[…] Noi annunciamo la venuta di Cristo, non la prima soltanto, ma anche la seconda, più grandiosa della precedente. La prima fu contrassegnata dai patimenti, la seconda porterà il diadema della divina regalità. Generalmente infatti, ogni realtà, nel mistero di nostro Signore Gesù […]

Continua a leggere

L’utilità del digiuno in S. Agostino

Uno straordinario sant’Agostino scrive riguardo all’utilità del digiuno: “[…] Qual è l’utilità di astenersi un poco dal cibo e dal piacere della carne? La carne preme contro il suolo, la mente tende all’alto; è trasportata dall’amore, è ritardata dal peso. A questo proposito dice la Scrittura: ‘Il corpo soggetto a corruzione appesantisce l’anima e l’abitazione […]

Continua a leggere

Dal documento: “La morale cristiana e le sue norme” – Commissione Teologica Internazionale

  Da un documento da rileggere: “La morale cristiana e le sue norme” – della Commissione Teologica Internazionale (1974)   […] 1. Il Cristo come norma concreta   Un’etica cristiana dev’essere elaborata prendendo come fondamento Gesù Cristo. Come Figlio del Padre, egli ha compiuto nel mondo tutta la volontà di Dio (tutto ciò che a […]

Continua a leggere

Dal Sermone 21 – di san Bonaventura

“[…] In primo luogo Cristo ebbe il primato dell’insolita novità nella sua risurrezione. Nessuno infatti, pur morendo in penosa vecchiaia, è risorto dai morti incominciando una nuova vita di gioia inestimabile; perché in questo modo il Signore Gesù Cristo fu il primogenito dei morti, che vinto l’impero della morte, è stato cinto della corona d’una nuova incorruttibilità. Chi infatti avrebbe […]

Continua a leggere

Cosa significa essere cristiani?

  Per rispondere occorre tornare indietro nella storia, a quel tempo riportato dal libro degli Atti in cui si dice che “ad Antiochia per la prima volta i discepoli furono chiamati cristiani” (At 11,26). Chiamati da chi? Evidentemente non da se stessi, ma dai “non cristiani”, cioè dai pagani di Antiochia, che coniarono questo titolo […]

Continua a leggere

Sant’Ignazio di Antiochia – Il martirio cruento dell’ultima ora e il martirio incruento di una vita

Sant’Ignazio di Antiochia ci insegna non tanto a morire sbranati dai leoni, ma ad avere coraggio, quando Cristo viene offeso e si è chiamati, mai costretti, a testimoniarlo nella verità e nella giustizia. Qui la libertà umana viene a compiersi nel suo punto più elevato: con semplicità, come molti cristiani hanno fatto nella storia e […]

Continua a leggere

Il valore dei propri atti come rivelazione della persona – Dal libro “Persona e atto” – di Karol Wojtyla:

“Il valore personalistico dell’atto umano, cioè il valore personale, è l’espressione particolare e forse la più essenziale del valore della persona stessa. […] Sebbene “operari sequitur esse” e quindi la persona e il suo valore precedano il valore dell’atto e siano fondamentali nei suoi confronti, tuttavia, al tempo stesso, la persona si manifesta attraverso gli […]

Continua a leggere

“Sei invidioso perché Io sono buono?” (ἐγὼ ἀγαθός εἰμι) – L’invidia del demonio per la bontà di Dio

Nel racconto parabolico degli operai mandati nella vigna ad orari distinti, nella cui morale emerge la bontà del padrone che ripaga gli ultimi arrivati con la stessa misura dei primi (cfr. Mt 20,1-16) ci interessa considerare la chiusura di questo racconto, nel quale il padrone prende autorità sulle obiezioni dei lavoratori della prima ora che […]

Continua a leggere

Sulla contraddizione fra superbia e compiacenza di sé nel demonio

  Dinanzi alla purezza di Maria ogni satanica impurità (perché l’impurità non è una creazione dell’uomo, per quanto questi vi possa acconsentire, ma ha sempre un’origine satanica) è costretta a tremare, a vivere un’esperienza terribile di vergogna e al contempo di rabbia. Vergogna, perché Maria mostra a Satana cosa significhi la bellezza di Dio, che […]

Continua a leggere

“Sulla regalità di Maria” – dall’enciclica “Ad Caeli Reginam” di Pio XII

“Sulla regalità di Maria” – dall’enciclica “Ad Caeli Reginam” di Pio XII – 11 Ottobre 1954 Come abbiamo sopra accennato, venerabili fratelli, l’argomento principale, su cui si fonda la dignità regale di Maria, già evidente nei testi della tradizione antica e nella sacra liturgia, è senza alcun dubbio la sua divina maternità. Nelle sacre Scritture […]

Continua a leggere

Credere in Cristo significa amare Cristo – S. Agostino

“Ricordiamo la distinzione: una cosa è credere “a” Cristo, un’altra è credere “Cristo”, un’altra credere “in” Cristo. Credere a lui significa credere che son vere le cose che egli dice; crederlo Cristo significa credere che egli è il Cristo; credere in lui significa amarlo. “Ebbene, spiegaci ora queste tue affermazioni: credere che son vere le […]

Continua a leggere

La verità cristiana – di I. de la Potterie

“La verità cristiana” – di I. de la Potterie “La distinzione fra platonismo e cristianesimo appare molto chiara nella nozione di verità. […] Nei primi secoli, Dio veniva più volte chiamato “il Dio della verità” o “il Padre della verità”. Con queste formule i cristiani non volevano esprimere l’idea platonica che Dio è la realtà […]

Continua a leggere

Dalla drammatica lettera scritta dai Vescovi del I Concilio di Costantinopoli a Papa Damaso

Dalla lettera scritta dai Vescovi del Concilio di Costantinopoli (inviata a Roma nell’anno 382): “[…] Noi, infatti, abbiamo sopportato da parte degli eretici le persecuzioni, le tribolazioni, le minacce degli imperatori, le crudeltà dei magistrati e ogni altra prova, per la fede evangelica confermata dai trecentodiciotto Padri di Nicea di Bitinia. Questa fede, infatti, dev’essere […]

Continua a leggere

Da un’omelia di Teodoro Studita

Da un’omelia di Teodoro Studita (758/826) “Maria è la terra, sulla quale colui che ha fondato la terra sulle sue basi ( Sal 103,5 ), viene plasmato nella carne, per opera dello Spirito Santo. Maria è la terra che, senza essere stata seminata, fa schiudere il frutto che dà a ognuno il nutrimento.Maria è la […]

Continua a leggere

S. Serafino di Sarov

Per il demonio è impossibile far perire una persona, a meno che questa smetta di invocare la Madre di Dio” (San Serafino di Sarov, monaco russo – 1754/1833)     Una frase bellissima, anche se teologicamente ardua. Ciò che questo grande monaco russo afferma è senza dubbio verità, derivante tuttavia più dalla sua intensissima esperienza […]

Continua a leggere

Il dubbio come avversario della fede

  Avendo Gesù nel cuore e nella mente – ognuno secondo il dono attuale dello Spirito – si ha sempre una luce interiore, anche nella tenebra più oscura, che evita la caduta nel burrone e permette sempre il transito impervio, anche quando le difficoltà oggettive paiono sfavorevoli ad un buon esito della traversata. Se Pietro […]

Continua a leggere

“Fa’ così se vuoi sottrarti a questa sofferenza” – Sant’Agostino sui peccati commessi per un dolore interiore

Dal sito augustinus.it Cos’è infatti la nostra carne corruttibile 3? cos’è se non vermi e putredine 4? Ma qualunque sia la condizione in cui si trova, cosa sarebbe se non fosse vero quel che abbiamo cantato, e cioè: A Dio sarà sottomessa la mia anima poiché da lui [proviene] la mia pazienza 5? In realtà la fortezza con cui i martiri […]

Continua a leggere

Sul valore simbolico del vino di Cana – I. de la Potterie –

  Secondo la maggior parte degli esegeti, il significato della pericope di Cana è incontestabilmente che essa ci presenta la rivelazione della missione messianica di Gesù. Preceduto e introdotto da Giovanni Battista (venuto “perché egli fosse manifestato a Israele”, 1,31), poi dalla testimonianza dei suoi discepoli (“Abbiamo trovato il Messia”, 1,41-45), Gesù si manifesta infine […]

Continua a leggere

“L’adozione a figli”: osservazioni da uno studio di Romano Penna –

“L’adozione a figli”: osservazioni da uno studio di Romano Penna – Nel versetto 6 del quarto capitolo della lettera ai Galati, l’Apostolo usa l’espressione greca “hyiothesía”, comunemente tradotta con “adozione a figli”. Questo termine è assolutamente raro nel Nuovo Testamento e compare unicamente negli lettere di Paolo, in tutto 5 volte (Rm 8,15.23; 9,4; Gal […]

Continua a leggere

Sacra Scrittura e verità – Da una conferenza di I. de la Potterie sulla costituzione conciliare “Dei Verbum”

Sacra Scrittura e verità – Da una conferenza di I. de la Potterie sulla costituzione conciliare “Dei Verbum”   “Un uso puramente scientifico della Sacra Scrittura creava problemi teologici. Il Concilio ha rimediato a questa lacuna. La novità della “Dei Verbum” sta in questo: “Dei Verbum” indica “La divina rivelazione”, non la Bibbia: la parola […]

Continua a leggere

Sulla concezione verginale di Gesù

Un commento del grande esegeta R. Brown sul concepimento verginale di Gesù:     “Mi pare di poter affermare che per circa 1600 anni di cristianesimo (dal 200 al 1800) la concezione verginale di Gesù, intesa in senso biologico, fu universalmente creduta dai cristiani. E, anche se io gradirei che vi fosse apportata una modifica […]

Continua a leggere

Un brano di san Gregorio di Nissa

Un brano di san Gregorio di Nissa (Testi disponibili alla nuova Libreria Cattolica La Casa di Miriam) “La partecipazione al bene divino è tale, da rendere più grande e più capace colui nel quale è presente: esso apporta in chi lo riceve un aumento in potenza e in grandezza, e chi se ne nutre continua […]

Continua a leggere

Le apparizioni di La Salette – evento e messaggio, mariofania e segreto

19 settembre – Anniversario dell’apparizione di La Salette (19 settembe 1846) Dodici anni prima delle apparizioni di Lourdes, la Francia conobbe un grande evento mariofanico, occorso in un contesto ambientale ed in una forma fenomenologica del tutto singolari. Due giovanissimi pastorelli, Mélanie e Maximin, entrambi nativi di Corps, lei quindicenne, carattere schivo e introverso, lui […]

Continua a leggere

Dal “Breviloquio” – di S. Bonaventura

L’universo è prodotto all’essere nel tempo; è prodotto ex nihilo da un principio solo e sommo, la potenza del quale, benché immensa, tutte le cose dispone con un certo peso, numero e misura. Questo vuolsi intendere universalmente rispetto alla produzione di tutte le cose. Per ciò che dicesi “nel tempo”, si esclude l’errore di chi […]

Continua a leggere

La causa efficiente del dolore di Maria

“La causa efficiente del dolore di Maria è una sola: noi, suoi figli. Non si può infatti attribuire questo dolore, in termini diretti, alla volontà di Dio, poiché parrebbe equivalere all’assegnazione del dolore come imposizione divina verso qualcuno, cosa inadeguata e contraddittoria. Né si può attribuire quel dolore “immediatamente” alla crocifissione di suo Figlio, poiché […]

Continua a leggere

Esegesi e approccio critico alla Scrittura dagli anni ’70

Esegesi e approccio critico alla Scrittura dagli anni ’70 (qui estratto dall’articolo di A. FANULI: “Due recenti ‘introduzioni’ critiche sulla composizione del Pentateuco. Un primo bilancio su un’ipotesi gloriosa”, in Rivista Biblica, Anno XLIX, n. 2., pp. 211-225) “[…] Negli anni ’70 si vive di contestazione. Non deve far meraviglia se si contestano i “mostri” […]

Continua a leggere

“Gesù fu condotto nel deserto ‘per essere tentato’ dal diavolo” (Mt 4,1): sul fine principale della permanenza di Gesù nel deserto

Innanzitutto un particolare, forse di poco valore teologico ma tuttavia interessante per la coincidenza (fortuita?): sia Matteo che Luca pongono questo racconto di Gesù nel deserto, “tentato dal diavolo”, ad inizio del rispettivo capitolo 4 del proprio Vangelo (cfr. Mt 4,1s e Lc 4,1s.) Tuttavia Matteo è diverso da Luca nell’evidenziare come Gesù andò nel […]

Continua a leggere

Novena Beata Vergine Addolorata

Inizio novena Beata Vergine Maria Addolorata (15 settembre) – Testo di F.G. Silletta Ant. Quis non posset contristári, piam matrem contemplári doléntem cum Filio? Il tuo dolore, Vergine Maria, è qui presente nella nostra coscienza di tuoi figli, per i quali hai patito insieme a Cristo, unendo le tue lacrime alla sua passione e rendendo […]

Continua a leggere

Il dolore umano e il dolore di Maria

Ci può essere il dolore come realtà dominante in un determinato frangente della propria esistenza; può darsi che alcuni periodi della propria vita diano l’impressione – per la quantità di dispiaceri coinvolti in essi – di non essere altro che un involucro di pura sofferenza. E tuttavia la sofferenza ha un significato, se si riesce […]

Continua a leggere

Caratteristiche del quarto evangelista – di Giuseppe Segalla

Riteniamo che ci siano sufficienti argomenti interni ed esterni per affermare che l’apostolo Giovanni è autore di tutta la letteratura giovannea, in quanto sta all’origine di quella tradizione che ha trovato la sua diversa espressione nella varia letteratura giovannea: vangelo, lettere, Apocalisse. […] Se si dà un’occhiata alle grandi Introduzioni su Giovanni, si vede subito […]

Continua a leggere

“Tre pasque e tre settimane decisive nel quarto Vangelo” – da uno studio di M. Thurian

“Tre pasque e tre settimane decisive nel quarto Vangelo” – da uno studio di M. Thurian, “Maria, madre del Signore, immagine della Chiesa” –   “[…] Così il Vangelo (di Giovanni) è costruito sul piano di sei feste liturgiche: tre Pasque, una Pentecoste (probabilmente), una festa dei Tabernacoli ed una festa della dedicazione, con tre […]

Continua a leggere

“Gesù ha sete, ma è lui che dà da bere” – dal libro “Amato perché amante” – di Francesco G. Silletta

“[…] la sete di Gesù descritta in Gv 19,28 (“Ho sete”) deve essere inquadrata entro la medesima orbita del simbolismo giovanneo (causa reale), senza per questo violare la sua stessa radice storica (causa occasionale). In questa prospettiva, è fondamentale riuscire a leggere il passo dove questa sete viene affermata (19,28) in linea di continuità con […]

Continua a leggere

“Questa legge è posta per tutti, ma non per te” (Est 15,13): sull’Immacolata Concezione di Maria – da un articolo di Agostino Bea:

[…] Dovrebbe certo sorprendere se la Madre di Dio, la quale avrebbe avuto nel NT una parte tanto importante nella Redenzione, non fosse stata preconizzata nella funzione preparatoria insita nell’AT; ma i santi Padri e la Chiesa, particolarmente nella liturgia, hanno attinto già per tempo a questa fonte per esprimere la grandezza e la magnificenza […]

Continua a leggere

Apertura nuova libreria cattolica a Torino

Dal primo settembre 2020 apre la “Libreria Cattolica La Casa di Miriam”, nuova attività di vendita al dettaglio di libri cattolici, Vangeli, Bibbie, studi, manuali, vite dei santi, testi liturgici e oggettistica sacra. L’attività viene svolta di concerto all’attività di selezione, pubblicazione e distribuzione editoriale cattolica delle “Edizioni Cattoliche La Casa di Miriam”, con Cenacolo […]

Continua a leggere

“Maria in vista di Cristo” – da un documento della Congregazione per l’educazione cattolica

“Maria in vista di Cristo” – da un documento della Congregazione per l’educazione cattolica del 1988: […] 6. Secondo la dottrina del Concilio lo stesso rapporto di Maria con Dio Padre si determina in vista del Cristo. Dio, infatti, «quando venne la pienezza del tempo, mandò il suo Figlio nato da donna… perché ricevessimo l’adozione […]

Continua a leggere

Ribaltando le verità della nostra fede cattolica, Cristo ribalta noi nella nostra misera prepotenza intellettuale

Ribaltando le verità della nostra fede cattolica, Cristo ribalta noi nella nostra misera prepotenza intellettuale   Quanto l’esegesi, la teologia, il razionalismo negli ultimi tempi abbiamo ostruito e mistificato la semplicità della divina rivelazione, creando panico e confusione in tante coscienze semplici, è una realtà non trascurabile, che necessita di un urgente ripensamento da parte […]

Continua a leggere

Senza Eucaristia non c’è Chiesa (da una riflessione di P. Catalino Arevalo – Manila)

Senza Eucaristia non c’è Chiesa (da una riflessione di P. Catalino Arevalo – Manila)   “[…] Henri de Lubac affermava che “L’eucaristia fa la Chiesa e (a sua volta) la Chiesa fa l’eucaristia”. “Eucharistia facit ecclesiam”. Nella sua immediatezza, questa espressione ricorda che nella Cena del Signore abbiamo il memoriale (zikkaron) della pasqua di Gesù, […]

Continua a leggere

Notte di Pasqua – Una preghiera per la liberazione* – di Francesco G. Silletta

Notte di Pasqua – Una preghiera per la liberazione* – di Francesco G. Silletta – Edizioni La Casa di Miriam Signore Gesù, ciò che in molti modi avevi prefigurato dando voce ai profeti e annunciato tu stesso nel tuo ministero pubblico, in questa santa notte vieni a compiersi per la redenzione dell’umanità, nella meraviglia dell’intero […]

Continua a leggere

Dagli “Inni Pasquali” di S. Efrem

Dagli “Inni Pasquali”, di sant’Efrem   1. Colui che fa tutti saggi è giunto, nel suo amore, presso gli ostinati, ma rimasero nell’ostinazione. Sebbene ammoniti da lui, hanno perseguitato, senza discernimento, il tesoro dei discernimenti. Responsorio: “Gloria a colui che ti ha inviato” 2. Stupisco della tua misericordia, che hai riversato sui malvagi, tu che […]

Continua a leggere

“Cristo è prima delle sue figure, anche se appare dopo di esse in quanto essere storico” – dal libro di H. de Lubac, Cattolicismo

  “Il carattere storico della religione di Israele non si comprende in tutta la sua originalità se non per quello che esso è divenuto nella religione di Cristo. Non dimentichiamo che l’ebraismo non ha la sua spiegazione in se stesso.La Verità, non è forse anteriore ad ogni età? Non è forse quel divino Logos di […]

Continua a leggere

Sul vero esaudimento di una preghiera

  Quante volte uno domanda a Gesù la stessa grazia, gli pare di averla chiesta per bene, con umiltà, con partecipazione, e tuttavia l’esito sembra negativo. Anzi, a volte sembra che sì, qualcosa sia in effetti occorso, ma l’esatto contrario di ciò che si era domandato. E ci si agita, perché sembra che Gesù non […]

Continua a leggere

La storia di san Giosafat martire, “il rapitore di anime”

La storia di san Giosafat martire, “il rapitore di anime” – qui tratta dall’enciclica “Ecclesiam Dei”, di Papa Pio XI:   “[…] Premessa una così diligente preparazione, egli si accinse quindi a trattare, con forza e soavità insieme, la causa della restaurazione dell’unità, ottenendo frutti così copiosi da meritare dagli stessi avversari il titolo di […]

Continua a leggere

Sulla meraviglia dell’umiltà e dell’intelletto francescano

Sulla meraviglia dell’umiltà e dell’intelletto francescano   Non esiste – parere nostro – un ordine religioso, una realtà ecclesiastica e neppure una corrente di pensiero teologica più bella (ovviamente secondo la sua natura originaria), più eloquente e più auspicabile in senso imitativo di quella francescana. E questo non solo per la straordinaria figura del fondatore. […]

Continua a leggere

Sull’univocità dell’essere secondo Duns Scoto

Sull’univocità dell’essere secondo Duns Scoto L’univocità dell’essere, secondo il Beato Duns Scoto, si contrapponeva alla tesi che aveva governato il pensiero metafisico del 13° secolo, ossia quella dell’analogia dell’essere. Secondo Duns Scoto, occorre che alcuni attribuiti di Dio siano riferiti in modo non soltanto analogo, ma direttamente univoco (senza negare certo la differenza fra infinito […]

Continua a leggere

“Te lo chiedo come figlio” – Preghiera

“Te lo chiedo come figlio” – Preghiera(Testo di F.G. Silletta) – Liberaci dal male. 4 volumi: Aiutami, Maria,te lo chiedo come figlio,non come uno sconosciuto uomo,che incontrandoti per caso ti domanda un favore,un favore che peraltro certo gli concederesti ugualmente,per la bontà che dimora nel tuo cuore.Te lo chiedo come figlio,osando tanto, nel pormi in […]

Continua a leggere

San Gregorio Papa e il miracolo della trasformazione della particola santa in carne umana

San Gregorio Papa e il miracolo della trasformazione della particola santa in carne umana   Alcune testimonianze raccontano come un giorno, mentre san Gregorio Papa stava comunicando il popolo, andò verso una donna e stendendo la mano le porse la particola, dicendo “Il corpo di nostro Signore Gesù Cristo” (ovviamente in latino). Quella donna si […]

Continua a leggere

Dei Verbum, n° 12

Come deve essere interpretata la sacra Scrittura 12. Poiché Dio nella sacra Scrittura ha parlato per mezzo di uomini alla maniera umana [22], l’interprete della sacra Scrittura, per capir bene ciò che egli ha voluto comunicarci, deve ricercare con attenzione che cosa gli agiografi abbiano veramente voluto dire e a Dio è piaciuto manifestare con […]

Continua a leggere

Per il sangue di Gesù

Il sangue di Gesù purifichi ora innanzitutto il nostro pensiero. Dal nostro pensiero infatti si muovono i nostri atti. E dunque anche i nostri atti siano purificati dal sangue di Gesù. Ora siamo nel pensiero e nell’atto cosparsi dal sangue di Gesù. Siamo cioè resi limpidi e puri. Abbiamo un intelletto nuovo, per pensare cose […]

Continua a leggere

Imparare a pregare

Imparare a pregare Quante domande inutili si pongono a volte gli studiosi, per un puro senso di curiosità che in nulla fruttifica la fede comune – e nemmeno la loro. E così si perde tempo intellettuale, alle volte, in questioni cristologiche totalmente inutili da conoscere adesso, in questo tempo storico della nostra esistenza, piuttosto che […]

Continua a leggere

Sulle espressioni Figlio di Dio e Parola di Dio

Proprio mentre preparavamo questo articolo ci balzava agli occhi – casualmente – una notizia di qualche anno fa (non che le cose siano molto cambiate, tuttavia) – di come in Pakistan desse fastidio ad alcuni cosiddetti “estremisti musulmani” che i cristiani (dentro la loro Chiesa, nb.) usassero l’espressione “Figlio di Dio” riferita a Gesù Cristo. […]

Continua a leggere

San Raffaele contro Asmodeo – Per la liberazione da Asmodeo, un insegnamento:

  Il fatto che la Scrittura menzioni in maniera esplicita l’identità sia di uno degli Arcangeli più significativi, cioè San Raffaele, sia di uno dei demoni più terribili, cioè Asmodeo, peraltro in un contesto, quello biblico in generale, piuttosto limitato nell’esplicitazione dei nomi sia degli Angeli che dei demoni, è molto significativo e ci deve […]

Continua a leggere

Dall’esortazione apostolica postsinodale “Sacramentum caritatis” – di Benedetto XVI

Un estratto dall’esortazione apostolica postsinodale “Sacramentum caritatis” – di Benedetto XVI (22 febbraio 2007) […] 2. Nel Sacramento dell’altare, il Signore viene incontro all’uomo, creato ad immagine e somiglianza di Dio (cfr Gn 1,27), facendosi suo compagno di viaggio. In questo Sacramento, infatti, il Signore si fa cibo per l’uomo affamato di verità e di […]

Continua a leggere

San Bonaventura e il demonio

Durante un violento attacco del demonio che lo strozzava – san Bonaventura (ultimamente lo stiamo citando spesso in vista di una pubblicazione futura) confessa che, vedendosi stremato, non aveva neanche fiato per chiamare i suoi confratelli perché venissero a soccorrerlo. Tuttavia pensò di meditare – per come gli riusciva in quel momento – la passione […]

Continua a leggere