“Sulla trasformazione interiore derivata dalla penitenza” – dalla Esotazione Apost. “Reconciliatio et Paenitentia”

“Sulla trasformazione interiore derivata dalla penitenza” – dalla Esotazione Apost. “Reconciliatio et Paenitentia” – di S. Giovanni Paolo II (cf. Proemio, n. 4):

Mary, Our Patroness and Mother - The Roman Catholic Diocese of Phoenix

“[…] Il termine e il concetto stesso di penitenza sono assai complessi. Se la colleghiamo alla metanoia (conversione, ndr.), a cui si riferiscono i sinottici, allora la penitenza significa l’intimo cambiamento del cuore sotto l’influsso della parola di Dio e nella prospettiva del Regno. Ma penitenza vuol dire anche cambiare la vita in coerenza col cambiamento del cuore, e in questo senso il fare penitenza si completa col fare degni frutti di penitenza: è tutta l’esistenza che diventa penitenziale, tesa cioè a un continuo cammino verso il meglio. Fare penitenza, però, è qualcosa di autentico ed efficace soltanto se si traduce in atti e gesti di penitenza. In questo senso, penitenza significa, nel vocabolario cristiano teologico e spirituale, l’ascesi, vale a dire lo sforzo concreto e quotidiano dell’uomo, sorretto dalla grazia di Dio, per perdere la propria vita per Cristo, quale unico modo di guadagnarla; per spogliarsi del vecchio uomo e rivestirsi del nuovo; per superare in se stesso ciò che è carnale, affinché prevalga ciò che è spirituale; per innalzarsi continuamente dalle cose di quaggiù a quelle di lassù, dove è Cristo. La penitenza, pertanto, è la conversione che passa dal cuore alle opere e, quindi, all’intera vita del cristiano.

In ciascuno di questi significati la penitenza è strettamente congiunta alla riconciliazione, poiché il riconciliarsi con Dio, con se stessi e con gli altri suppone che si sconfigga la rottura radicale, che è il peccato; il che si realizza soltanto attraverso la trasformazione interiore o conversione, che fruttifica nella vita mediante gli atti di penitenza […]”

(S. Giovanni Paolo II, Esortazione Apostolica Reconciliatio et Paenitentia, 1984)

TESTI DISPONIBILI ALLA LIBRERIA CATTOLICA LA CASA DI MIRIAM

Edizioni e Cenacolo – Piazza del Monastero, 3 – Torino

Tel. 3405892741 – www.lacasadimiriam.altervista.org